venerdì 2 ottobre 2009

CROP CIRCLES: La calda estate 2009
Side Circles e spari sui visitatori !!!


Eh si ragazzi, quest'anno anche su in Inghilterra è stata un'estate calda, caldissima, bollente.

La temperatura era davvero alta, nel Regno Unito, raramente ho trovato un caldo così mediterraneo, ma colonnina di Mercurio a parte, a qualcuno questo insolito caldo ha dato davvero alla testa, ma vediamo cosa è successo..


Swindon's Countryside, 8 Agosto 2009.

Appena arrivati, si è da subito percepito un insolito fermento intorno al fenomeno Crop Circles, una volta entrati nel Tourist Center della zona, abbiamo tristemente notato, che non era esposta la tradizionale mappa che segnava dove erano comparsi gli ultimi cerchi e dove veniva persino indicato se il contadino avesse già tagliato la formazione perchè tempo di raccolta.

I turisti, per essere Agosto, erano molto meno del solito.
I pochi negozi avevano chiuso tutti l'anno prima ed erano aperti solo grazie ad un intelligente sistema di volontariato adottato dalla popolazione locale.
Un fantastico esempio di quello che nei paesi nordici e civili, viene chiamata Community, cosa della quale, qui in Italia, non si ha la più pallida idea e coscienza.

I pochi interessati ai Crop Circles si mostravano eccitati ma, cosa insolita, nervosi.
Elargivano, in fretta e furia, indicazioni sulle ultime formazioni, prima di svanire velocemente alla volta di queste.

In un luogo dominato dalla calma ed il silenzio, scevro d'ogni folle apprensione cittadina, che fretta c'era ?

Io, in genere, sono abituato a prendermi qualche giorno, prima di andare a visitarli, giusto per studiare i mezzi, gli orari e gli itinerari utili per raggiungerli, ma quest'anno pareva non ci fosse tempo da perdere, se ne si voleva vedere qualcuno.

Molti contadini, infatti, si diceva che fossero furibondi e che mietessero il raccolto, solo all'interno delle formazioni, anche già poche ore dopo il loro avvsitamento, in maniera da evitare il via vai dei vari osservatori come me.

A giudicare dalla distruzione delle neo-formazioni situate nelle zone classiche della zona, e da quelle più facilmente osservabili senza grossi spostamenti, si evinceva che la cosa fosse ben reale e che davvero non c'era tempo da perdere.

I creatori di Crop Circles, da non confondere con i Circle Makers ( una pantomima dei veri autori delle formazioni ), senza perdere tempo avevano già preso delle contromisure e a differenza degli anni scorsi, creavano Side Circles, ovvero, altre formazioni posizionate a fianco di quelle prematuramente falciate !!
Il tutto senza curarsi degli appostamenti e della particolare attenzione posta dai coltivatori, sopratutto nelle aree già colpite dal fenomeno.

Il Side Circle che si formava a fianco di quelli già rasati, non veniva più rasato per il timore di trovarsene altri nello stesso campo.

Non è mancato, quindi, come sempre il fattore sfida, che risulta da sempre direttamente proporzionale all'ottusità di chi tenta manovre atte a frenare lo studio o la semplice osservazione di questi misteriosi ed incredibili dipinti campestri.

Puntualmente, ogni anno, la sfida viene persa dagli avversari dei Crop Circles che rimangono impotenti, di fronte all'astuzia e tecnologia utilizzate dai veri Crop Circle Makers.

Quest'anno oltre ai Side Circles, non sono mancati i classici Progressive Circles, ovvero quelle formazioni che vengono composte poco alla volta, giorno dopo giorno.

Queste formazioni risultano la più grande provocazione verso chi tenta di scervellarsi utilizzando la sinistra parte sinistra del cervello per capire chi le crea e come opera, e quasi mai per carpirne il significato o il perchè vengano creati.

I Progressive Circles sono paragonabili a rapine ampiamente annunciate ma ugualmente impossibili da sventare. Se lo stile e la ragione per cui operano i Crop Circle Makers fosse un film sarebbe indubbiamente Inside Man, un must-see di Spike Lee.

Tornando alla nostra calda estate, altre voci vertevano su fatti e misfatti accaduti in una formazione a Cannings Cross, vicino ad Allington (UK).

Le cose, laggiù, si erano messe male per alcuni visitatori della stupenda formazione comparsa lo scorso 10 Luglio.


Immagine tratta da www.wccsg.com

Praticamente mentre un gruppo di turisti Norvegesi tentava di entrare nella formazione di Allington, venivano percepiti colpi di arma da fuoco, oltre alle grida di un uomo che urlava "Uscite dal campo !! E' proprietà privata !!".

Osservando bene da dove provenissero gli spari e le urla, i visitatori notarono un uomo con una maschera nera ed una tuta militare mimetica, il quale sostava accanto ad una tenda militare imbracciando un fucile.

I turisti domandarono all'uomo se fosse il proprietario del campo ma lui rispose di no, aggiungendo solo che era stato pagato per tenere lontani dal campo, gli eventuali visitatori della formazione.

Spaventati dalla situazione i malcapitati uscirono frettolosamente dal campo ma avvisarono il Silent Circle Cafè dell'accaduto così da non permettere che la cosa accadesse ad altri eventuali visitatori.
Il personale del Sielnt Cirlce, a sua volta, avvisò subito le autorità locali le quali, prontamente, inviarono un elicottero ed alcune pattuglie di polizia sul luogo.

L'uomo con il fucile venne prontamente fermato ed arrestato. In seguito il proprietario del terreno tentò pateticamente di difendersi, affermando che l'uomo con il fucile fosse suo figlio e che fosse solito sparare ad uccelli e topi presenti nella proprietà.

Penso che i due avranno seri problemi con la giustizia nei prossimi mesi, come si nota dalle dichiarazioni di uno degli ufficiali di polizia che era sul luogo "Sebbene i contadini abbiano il diritto di proteggere la propria terra, non hanno nessun diritto legale di minacciare la gente. Minacciare qualcuno con un fucile è un crimine serio. La responsabilità dell'accaduto ricadrà anche sul contadino che ha pagato quest'uomo per fare ciò che ha fatto."

La polizia, infine, dopo le formalità, ha cortesemente permesso ai visitatori, di entrare nella formazione e fare tutte le riprese o fotografie desiderate.

Questo si che è un sevizio alla comunità, questa è la polizia, l'unica, che vorremmo vedere in giro...

Tornando all'incidente, è incredibile pensare che possano accadere queste cose e che visitare un Crop Circle possa seriamente mettere a repentaglio la nostra incolumità fisica, ma come vi ho mostrato esiste anche questa eventualità, pertanto lo studio dei Crop Circle non è proprio una passeggiata rose e fiori ma un arduo cammino che ci accompagna verso qualcosa di intangibile, che ci pone al centro di noi stessi ma allo stess otempo ai confini della nostra razionale quanto misera realtà, facendoci intravedere la dimensione dell'immaginario fantastico e dell'incredibile.

Ad essere sinceri, la cosa più incredibile non sono i cerchi nel grano ma il fatto che vi sia ancora gente, convinta che i Crop Circles vengano creati unicamente da bontemponi muniti di corda e qualche asse di legno.

Presto pubblicherò le ultime novità riguardanti le varie anomalie, ormai provate dalla scienza accademica, che lasciano ben poco spazio a vecchietti burloni, zelanti cicappini, AktiviXimi e via dicendo..

Nel caso vi interessi qualche aspetto in particolare, inerente ai Crop Circles, non esitate a chiedere.

Ciao.
Ubi Morazzoni.

11 commenti:

Min oReda ha detto...

Stavo pensando al perché del tanto nervosismo dei contadini... potrebbe essere che appena ne appare un cerchio il contadino "sa" che lo stesso deve sparire nel giro di poche ore per non avere pressioni da parte dei militari che spesso sorvolano i cerchi? Io ho il grande sospetto che questi "poveri" contadini sono messi sotto grande stress. Altri motivi non vedo perché i soldi che perdono per il cerchio calpestato deve essere un minimo... e nonostante l'aggettivo di sopra, poveri NON sono.

Anonimo ha detto...

Ottimo articolo. Aspetto con curiosità le "anomalie".
Il prossimo anno portati un giubbotto antiproiettile ed un elmetto.
lex luthor

Ubi Morazzoni ha detto...

Min OReda hai rgione nemmeno io capisco molto l'esrtemo nervosismo che ogni anno creano queste stupende formazioni.

La perdita in termini monetari è davvero ridicola nonostante molti coltivatori continuino ad insistere che sia ingente.

Sappiamo bene che da anni esistono linee di prodotti e macchinari atti a raccogliere proprio solo la parte di raccolto appiattita dalla formazione del Crop Circle e sappiamo benissimo anche che vi sono linee di prodotti composti dalla parte di raccolto della formazione.

Quanto questi prodotti siano salubri non posso ancora dirlo perchè entrano in giocomolti fattori che pubblicherò in futuro qui sul Blog ma di sicuro posso dire che le formazioni nn fanno perdere soldi o almeno non così tanti da giustificare fatti come quelli accaduti lo scorso Luglio ad Allington.

Ciao.
Ubi.

Ubi Morazzoni ha detto...

Lex Luthor, non sarai deluso, ho decine e decine di anomalie testate e provate scientificamente da esperti del settore accademico che si occupano di Cerchi nel grano ( Crop Circles )

Inoltre vi sono ancora aspetti di cui parlerò in futuro che nessuno in nessun articolo e nessuna trasmissione televisiva ha mai affrontato o pubblicato.

A presto allora !!!

Ciaoo.
Ubi.

Anonimo ha detto...

E' possibile che il grano dei crop circles venga requisito per l'elite inglese? Si faranno delle birrette speciali? Il piatto escusivo in voga a palazzo é...tortiglioni alla crop circles con germogli di peyote al madera!
lex luthor

Ubi Morazzoni ha detto...

Lex la tua ipotesi è bizzarra quanto possibile.

Non saprei, ma è possibile vista l'ignoranza che circola sull'argomento. I reali o i VIP del momento sono sempre avidamente in cerca dell'ultima novità o prodotto che esuli dal mercato di massa aggiunto poi al fatto che il grano contenuto nelle formazioni è speciale o quanto meno differente da quello al loro esterno potrebbe anche darsi che lo utilizzino per curarsi o per creare vari effetti desiderati. Dobbiamo capire che i governi i reali ecc hanno una conoscenza molto più vasta di quella che possiede la masas, che viene lasciata nell'ignoranza proprio per governare più facilmente un gregge smarrito e ignorante in balia di un marketing pubblicitario da pezzenti che punta solo a creare infelicità, insoddisfazione e sottoculture di infimo livello.

Grazie dello spunto Lex farò una ricerca e nel caso posterò il responso o inserirò il tutto nei prossimi articoli.

Anonimo ha detto...

Possibile che sia come dici.
Alle masse con l'anello al naso e sveglia al collo rifilano dei "salubri" OGM irrorati con pesticidi e bombardati di raggi gamma.Quando si diventa fosforescenti basta andare dallo spacciatore legalizzato e farsi dare l'antidoto.
lex luthor

Ubi Morazzoni ha detto...

Ciao Lex, delle masse con l'anello al naso non mi preoccupo. Questo pianeta ha bisogno di genetica nuova, le pecorelle smarrite o i vari Boccaloniani possono anche svanire dall'oggi al domani, farebbe solo bene al resto dell'umanità, l'unica auspicabile in questo sistema solare.
Che periscano assieme al loro ottuso egoismo.

Lunga vita alla selezione naturale !!

Comunque potremmo utilizzare i fosforescenti per l'illuminazione pubblica piuttosto che quelle squallide luci gialle al sodio che fanno malissimo alla vista. Presto farò un articolo anche su questo argomento in vista di alcune leggi che vieteranno le lampadine a incandescenza a favore di quelle a gas come il NEON o l'ARGON che donano agli ambienti quel tipico squallore delle più becere aziende e torbidi locali.

Ciao.
Ubi.

Zret ha detto...

Un resoconto molto fresco ed interessante. Sono curioso di conoscere ulteriori dati sulla materia: anomalie e significati simbolici, sempre che i pittogrammi siano simboli e non qualcos'altro.

Ciao!

Ubi Morazzoni ha detto...

Zret, non rimarrai deluso, è solo questione di tempo le anomalie ufficiali, rilevate dalla scienza accademica, sono così numerose che devo decidere come catalogarle e suddividerle ma ci sono quasi.

Per i pittogrammi sono in ogni caso simbolici o relati a simboli, faccio notare che l'unico eventuale metodo universale, oltre alla musica, per comunicare è quello del linguaggio dell'anima ovvero i simboli.

Una retta come un La è sempre una retta o un La in ogni sistema solare di questa e forse altre dimensioni.

Ciao.
Ubi.

Claudia ha detto...

Ciao Ubi,
ho letto solo ora il tuo articolo molto interessante. Poichè stiamo organizzando un tour per questa estate ti chiederei la gentilezza di contattarmi, visto che non conosco il tuo indirizzo e-mail.
Io faccio parte dell'associazione segni dal cielo, mi chiamo Claudia.
claudia.dipaola@libero.it
grazie mille,
ciao

Posta un commento

Questo Blog, ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62 non rappresenta una testata giornalistica, in quanto sarà aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Alcune delle immagini qui inserite sono tratte da Internet, citandone la fonte; Nel caso che la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse. Gli argomenti trattati dal blog sono frutto di riflessioni personali, qualora urtassero la suscettibilità di qualcuno siete pregati di segnalarlo.

Si ricorda ai lettori, che in caso di commenti atti a contestare o denigrare quanto scrivo nel Blog ed il sottoscritto, risulta obbligatorio indicare nome cognome e città di residenza, corrispondenti alla persona fisica che li scrive, pena l'eliminazione dei commenti stessi in fase di moderazione.

Infine si informa che eventuali commenti, non attinenti al tema proposto negli articoli, non saranno pubblicati.

Grazie.