venerdì 23 ottobre 2009

SCIE CHIMICHE: Stand Up !
...but above all, Look Up !!!


STAND UP: ORA E' IL MOMENTO DI CONTARE..
Si, le scie chimiche che irrorano ogni giorno !!

E' con piacere che noto l'estremo interesse destato dalla campagna STAND UP !! tesa a sensibilizzare i vari governi, su problematiche relate alla fame, la povertà e i cambiamenti climatici.

Il mio appello è rivolto a tutti coloro che passeranno da questo blog, sopratutto a coloro che fanno parte dell'iniziativa di cui sopra.

E' innegabile che il clima sia cambiato se non impazzito, le prove sono sotto gli occhi di tutti ma forse non tutti sanno che il sistema meteorologico mondiale rischia mutamenti drastici, grazie al tentativo di controllarlo con tecniche invasive quali l'irrorazione aerea di alcune sostanze atte alla dispersione o coagulazione di nubi artificiali e altre operazioni non ancora ben identificate.


IL PROGETTO PIOGGIA, in Italia, ne fu l'inizio ma ora, la cosa è degenerata, per cui vi chiedo di utilizzare STAND UP !! per SENSIBILIZZARE, l'opinione pubblica sul problema SCIE CHIMICHE, in quanto altamente relato alle problematiche proposte dalla campagna stessa.

Appurato, come già noto, che le SCIE CHIMICHE sono un fenomeno ben reale, gli scenari possibili sono solo due:

1 - Il clima è sotto controllo, chiedete ai governi di ogni parte del mondo, che la smettano di perpetrare tali abomini innaturali.

oppure...

2 - I continui tentativi di controllare il clima hanno fatto impazzire il clima, similmente, chiedete di cessare questi esperimenti dannosi per la natura, ma in primis per i nostri polmoni, in vista delle sostanze utilizzate durante le irrorazioni, sparse su aree di svariate centinaia di chilometri per ore ed ore, quasi ogni giorno.


Dato che la campagna oltre che al clima è relata alla povertà, mi domandavo quanto potessero costare queste irrorazioni ma sopratutto CHI LE PAGA ?
CHI FINANZIA QUESTI ESPERIMENTI ?


Molto probabilmente a pagare queste operazioni siamo tutti noi, con tasse e quant'altro. Un motivo in più, quindi, per far terminare questa stupida ed inutile follia.

Spero che a rispondermi, non siano i soliti debunkers spaventapasseri da due lire, che si celano come conigli dietro pseudonimi da finti adolescenti, ma piuttosto enti governativi e non, che possano aiutarci a fermare questo scempio.


Per altre informazioni dettagliate sul fenomeno SCIE CHIMICHE consultate
Il BLOG di TANKER ENEMYe sopratutto fate sentire la vostra voce, iscrivendovi al
COMITATO NAZIONALE TANKER ENEMY !!!


Ciao.
Ubi Morazzoni.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Un mio amico del nord Italia mi dice che in questi ultimi giorni si vedono pochi aerei e la temperatura è risalita di colpo.

I debunkers dovrebbero essere inseriti nella speciale lista delle categorie di lavoratori indispensabili e sottoposti a doppia vaccinazione.

Saluti dall'estremo sud della Patagonia.
BobbyPaul Aster.

Ubi Morazzoni ha detto...

Caro BobbyPaul Aster, i debunkers hanno già abbastanza problemi senza bisogno della doppia vaccinazione che, a questi elementi, sconsiglio nella maniera più assoluta.

Ciao.
Ubi da Palermo Dugnano,

Posta un commento

Questo Blog, ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62 non rappresenta una testata giornalistica, in quanto sarà aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Alcune delle immagini qui inserite sono tratte da Internet, citandone la fonte; Nel caso che la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse. Gli argomenti trattati dal blog sono frutto di riflessioni personali, qualora urtassero la suscettibilità di qualcuno siete pregati di segnalarlo.

Si ricorda ai lettori, che in caso di commenti atti a contestare o denigrare quanto scrivo nel Blog ed il sottoscritto, risulta obbligatorio indicare nome cognome e città di residenza, corrispondenti alla persona fisica che li scrive, pena l'eliminazione dei commenti stessi in fase di moderazione.

Infine si informa che eventuali commenti, non attinenti al tema proposto negli articoli, non saranno pubblicati.

Grazie.