mercoledì 9 maggio 2012

CROP CIRCLES: IL DECAGONO DI RIESI 2012.
Giù le mani dalla nostra terra !!


Come molti sanno, i miei studi sui Crop Circle ( cerchi nel grano ), si concentrano più che altro sul loro significato, lasciando ad altri l'oneroso compito di studiarne la paternità.
La recente formazione di Riesi, molto bella tra l'altro, non è così criptica come potrebbe sembrare a prima vista e tenterò, per quanto possibile, di fornivi il modus operandi utilizzato normalmente per interpretare i simboli rappresentati nei Crop Circles.

Ma entrate nella Spaheralux per vedere la formazione rinvenuta a Riesi come si presenta..


Di seguito uno schema del disegno



 Qui, invece, potete visionare alcune delle foto originali scattate a Riesi

Troviamo un decagramma che include una stella, che a sua volta contiene un pentagono,.

Ma come sono correlati questi tre simboli tra loro ?

La Sphaeralux suggerisce che, in questo specifico contesto, collocato nella stupenda trinacria, la stella a 5 punte, potrebbe simboleggiare la presenza dell'esercito USA su territorio Italiano.

In questo caso la sovrapposizione non è solo concettuale, cioè le basi che occupano suolo, ma anche simbolica, infatti, sia la Repubblica Italiana che l'esercito Statunitense, sono simboleggiati da una stella a 5 punte o pentagramma che in magia può simboleggiare la natura coni suoi 4 elementi più il quinto, l'etere, e i 5 canali di Input/Output dell'uomo, in generale il pentagramma è anche sinonimo del piano materiale che per noi è la Terra, quindi siamo già a tre relazioni:
Basi USA - Italia - Terra ( inteso più come terreno, territorio o suolo fertile ).

Il pentagono, a questo punto, indicherbbe il potere che dirige queste basi statunitensi ed infatti è inglobato nella stella, ma potrebbe essere anche relato all'influenza che ha il pentagono "all'interno" della nostra politica militare.

Il Decagramma, riflesso da ogni quinto punto è formato da due pentagrammi incrociati.

Questo potente simbolo, nelle discipline esoteriche e spirituali, rappresenta la concentrazione delle forze positive e negative dell'Akasha e dei quattro Elementi, ed in particolar modo la rivoluzione delle forze sotto la Grande Madre.

Unendo i tre simboli abbiamo, quindi, un quadro abbastanza chiaro, la formazione di Riesi segnala la prepotente presenza di forze militari statunitensi su territorio Italiano, ma esso suggerisce anche una rivolta o qualche tipo di azione di contrasto, per limitare il potere di queste forze militari e della casta Republicana, al fine di riequilibrare la natura e l'ambiente, martoriati dallo stato e dai numerosi esperimenti militari inerenti l'uso di microonde ed armi ad energia diretta.

Armi ad energia diretta e microonde ?

Si, proprio così, è chiaro che fenomeni come quelli di Caronia non siano altro che il risultato di esercitazioni o test di armi che fanno largo e scellerato uso di microonde.

Le microonde infatti hanno il potere di incendiare ma se amplificate e dirette in maniera adeguata possono anche fare danni anche maggiori.
Sicuramente possono ledere ai prodotti della terra, impattando in vari modi anche chi di questi
prodotti ci riesce acnora a campare, come mostra questo video.



Probabilmente il disegno rappresentato nella formazione, allude anche a tutti quelli che si battono per una Sicilia più libera ed al coraggioso Movimento dei Forconi che nei mesi scorsi, ha mostrato i denti, in una battaglia non vinta ma nemmeno persa, soffocata solo dal disinteresse dei media
che hanno semplicemente spostato i riflettori altrove.

Questa è stata una battaglia per la dignità, per la terra, i suoi prodotti, ed in generale per l'ambiente, che non viene più rispettato, allo stesso modo di chi ci vive, il che resta perfettamente in linea con il significato esoterico del Decagramma di cui sopra, che indica attriti o rivoluzioni coadiuvate da Madre Natura.

Come vedete, che importa che questo Crop Circle sia stato fatto da ragazzi con assi di legno, UFO, sfere di luce o altro. Ciò che conta è il simbolo con il suo significato, che si stampa nella nostra mente come un marchio rovente, e che ci susurra:

RISPETTO PER LA TERRA E CHI LA LAVORA, RISPETTO PER I SUOI FRUTTI, ED IL SUDORE VERSATO PER COGLIERLI.

NO AD ESPERIMENTI CHE RENDONO ARTIFICIALE IL CLIMA E PROVOCANO FENOMENI METEO INDESIDERATI, che vigliaccamente distruggono i raccolti mettendo in ginocchio i coltivatori già allo stremo, sfruttati dalla grande distribuzione e vittime dell'infertilità indotta dall'iper acidificazione del terreno ad opera delle operazioni di Aerosol (CLOUD SEEDING)  tese a generare nubi artificiali o peggio, a diradarle, generando siccità.

STOP ALLE ARMI AD ENERGIA DIRETTA ED AGLI ESPERIMENTI CON MICROONDE E PORCATE AFFINI.
Ultimo ma non meno importante, LOTTIAMO PER I NOSTRI DIRITTI E LA NOSTRA STUPENDA TERRA !!

Concludo specificando che non ho scritto queste parole, con la presunzione di spiegare in toto una formazione, anche perché a mio avviso, ogni cerchio nel grano, può assumere infiniti significati
secondo chi lo osserva, ma d'altra parte quanto ho scritto e le relazioni mostrate dal pittogramma, sono comunque sotto gli occhi di tutti.

Con questo piccolo esempio, spero di aver accontentato quei lettori che spesso mi chiedono come vanno "letti" i Crop Circles..

Alla prossima decodifica..

ADDENDUM del 29/06/2012

A conferma dell'aria di preoccupazione e fermento, creatasi in SIcilia a causa della prepotente presenza di basi militari USA, linko questo articolo di Gianni Lannes:
BAMBINI CHE MUOIONO DI RADIAZIONI NUCLEARI USA

Ciao.
Umberto Morazzoni.

17 commenti:

Chiara Priorini ha detto...

http://www.nomuosniscemi.it/file/ultimi/Croce%20-%20cos'è%20il%20Muos.pdf

Oppure correlarsi alla lotta contro il Mous di Niscemi, cito: " il Mous non è altro che un sistema di comunicazione tra le truppe americane sparse sui vari fronti internazionali e il comando centrale del Pentagono. La comunicazione tra i soldati sul campo di battaglia, i loro comandanti sul posto e lo Stato Maggiore centrale non è assolutamente cosa semplice e richiede tecnologia sempre più aggiornata e capillare. Per questo è stato ideato il MUOS, nell’ormai lontano 1999, e poi progettato nel 2004. In quell’anno, al termine di una gara tra due concorrenti, il Dipartimento della Difesa americano assegnò l’appalto a Lockheed Martin. L’importo, originariamente, era di 2,1 miliardi di dollari per costruire i primi due satelliti di questo sistema e le apparecchiature a terra ad essi connesse. Il MUOS, detto in parole molto semplici, non è altro che l’applicazione della tecnologia satellitare al sistema che tutti noi usiamo ogni giorno con i nostri telefoni cellulari. Quando facciamo una telefonata la nostra voce viene trasformata in piccoli pacchetti di dati che vengono smistati attraverso innumerevoli celle telefoniche sparse per il territorio su dei tralicci. Che noi chiamiamo “antenne” o “ripetitori”. Nel MUOS, al posto delle celle, ci sono cinque satelliti che girano insieme alla terra ad altezza e posizione fissa. Questi satelliti, detti “geostazionari” proprio perché sono fissi nella stessa posizione, raccolgono i dati inviati dai telefoni e dalle apparecchiature militari sul campo di battaglia e, come le celle dei telefonini, li smistano fino a farli arrivare a destinazione. Per questo motivo servono le enormi antenne del MUOS: per ricevere e inviare verso il cielo questa enorme mole di dati, in una sorta di ping pong di onde elettromagnetiche che salgono e scendono sulle nostre teste..." e chisseneimporta se si crea un'inquinamento elettromagnetico che fa male alla terra, alle coltivazioni, agli animali e non ultimi agli uomini.

Anonimo ha detto...

salve signor morazzoni. volevo farle notare che all'interno della stella conque punte non vi è un pentagono ma un cerchio. glielo posso assicurare poichè ho visto il crop personalmente. distinti saluti

Ubi Morazzoni ha detto...

Ciao Chiara !! Grazie della cortese attenzione.. grazie anche per l'ottimo ed azzeccato spunto sul MUOS, non potevo menzionare tutte le implicazioni e relazioni che questa formazione evoca perchè sono davvero parecchi. Diciamo che ho dato una spiegazione a grandi linee poi ognuno tragga le conclusioni che gli aggradano. Un simbolo non rappresenta mai la destinazione ma solo la via per ragiungerla.

Ciaooo !!
Ubi.

Ubi Morazzoni ha detto...

Caro lettore anonimo, dalle immagini a me giunte, il simbolo più interno sembra proprio un pentagono, almeno due dei lati, infatti, paiono nettamente rettilinei ma anche nel caso in cui il pittogramma non comprendesse un pentagono ma un cerchio sarebbe relazionabile ugualmente con il simbolo dell'esercito Statunitense, e le basi USA presenti nel territorio Siciiano. Ho amici nell'esercito USA quindi non nutro antipatia verso questi ragazzi che svolgono solo il loro lavoro ma il monito resta valido ed era degno di nota.

Di seguito il simbolo dell'esercito USA prima e dopo la guerra mondiale:

http://www.stugiii.com/images/US_Vehicle_Markings.pdf

La lettura della formazione che ho esposto, quindi, non perde di significato anche nel caso in cui nel centro del pittogramma vi fosse un cerchio e non un pentagono.

Grazie dell'attenzione e segnalazione.
Umberto Morazzoni.

Teodoro Di Stasi ha detto...

A volte si cercano spiegazioni ad un disegno senza tenere conto degli autori :-) Bhè come avvenne già per l'eptagramma di Poirino, anche per questo ognuno lo interpreterà in chiave esoterica, ufologica ecc ecc. Ben venga ! Più un disegno offre interpretazioni e più vuol dire che ha fatto "centro". Ok, detto questo vi lascio a qualcosa di interessante.. http://www.rosarioberardi.it/sitoberardi/e-book/costrubaseoperative.pdf
Complimenti ai circlemakers per il lavoro, dalle immagini appare ben fatto. By by EAL71

Ubi Morazzoni ha detto...

Come ho scritto in testa all'articolo, l'ultima cosa che prendo in considerazione quando analizzo un Crop Circle è l'autore, non me voglia per carità, ma proprio a me di sapere chi li genera non interessa.

Se l'autore non si degna di spiegarne il significato lo faranno al posto suo persone come me, che pur sbagliando ( relativamente a ciò che voleva dire l'autore ) restano gli unici a mettere nero su bianco ciò che credono o pensano.

Se i circlemakers ci tenessero davvero alle loro opere, a mio avviso, dovrebbero anche spiegarle e magari ma dico magari, un giorno .. fare un bel video ( perchè non ne esiste nemmeno uno al mondo ) che attesti il fatto che siano loro a farli.
Non parlo dei video da pena totale del CICAP ed altre zimbellate affini per bimbi strafatti di aspartame, parlo di roba seria ;)

Ti tingrazio del PDF con la costruzione tecnica della figura geometrica, avrei preferito un video di 3 minuti dove si vedono i fantomatici circle makers all'opera ;)

Ma probabilmente non avremo mai questo privilegio, forse perchè..
semplicemente non sono loro a farli..

Tieni a mente che gli stessi circle makers ( UK ) hanno ammesso di NON essere gli autori di tutti i cerchi nel grano. Seppur non si esclude il fatto che potrebbero esserci dei "privatisti", comunqnue non si può dire che i crop circles siano un fenomeno legato al 100% ai Circle Makers perchè tale non è.

Ciao e grazie per l'attenzione.

Alessandro ha detto...

Ottimo articolo, ben dettagliato, complimenti Umberto.

Se pensiamo alla graduale militarizzazione della Sicilia, l'installazione (anche recente) del sistema avanzatissimo MUOS, le probabili operazioni militari navali al largo della costa siciliana ... la tua analisi è totalmente condivisibile... :)

Il significato militare del pittogramma diventa ancor più palese se osserviamo le 5 "mostrine" intorno alla stella. Sono i tipici gradi militari, il famoso "baffo" del sergente o del caporale.


http://imageshack.us/photo/my-images/213/gradiesercito2zd9.jpg/

Anonimo ha detto...

Grande, complimenti per l'articolo molto lucido.

Hai ragione.. non ha molta importanza sapere chi sono gli autori dei cerchi. Ma ha molta importanza il significato.
Poi se nessuno si fà mai avanti per spiegare le tecniche fantastiche per fare i cerchi nel grano è probabile che quel nessuno probabilmente è nessuno!! ahahah. Noi umani non siamo in grado di fare a mano quelle cose. Forse con haarp? ma anche in questo caso non hanno l'ironia e l'intelligenza appropriata. Rimarraà il dubbio.

ANONIMO.

Ubi Morazzoni ha detto...

Grazie Alessandro !!

Molto interessante anche il tuo spunto sui "baffi" da sergente, lo avevo pensato ma ho preferito lasciare spazio anche all'estro che caratterizza i miei lettori, come tu stesso provi ;)

A presto, con la prossima decodifica che sto preparando.. !!

Se ti interessano i Crop CIrcles , antenne ritte nei giorni 20 Maggio e 5-6 Giugno date molto particolari per gli allineamenti planetari..

Ubi.

Ubi Morazzoni ha detto...

Carissimo Anonimo, hai proprio ragione, molto probabilemtne quel "nessuno", è proprio solo NESSUNO !!! LOL

HAARP è una delle piste che ho sempre seguito per la creazione di questi cerchi. Penso però che non siano i miliatri a farli altrimenti li avrebbero creati nei loro campi di esercitazione o nelle varie aree 51 ecc.. penso invece che un a banda di HAckers si sia introdotta in alcuni sistemi militari ( come HAARP ) e giochi con certe armi a puntamento satellitare .. giusto per far sapere alla gente che qualche governo ha già questi giocattolini PERICOLOSI.. dopo tutto anche se bellissimi i crop circles sono generati da fenomeni molto simili a quelli che caratterizzano la cottura con microonde e le armi a microonde ormai non sono più un mistero..

Nei miei video, d'altra parte, nei miei video ho ripreso più volte alcune sfere di luce che monitorano le formazioni e forse anche HAARP.. qui il mistero si infittisce... le Spaheralux non sono prodotti da HAARP

Ciao e grazie per il piacevole commento e l'attenzione.

Ubi.

Teodoro Di Stasi ha detto...

Ciao Umberto, lungi da me volere plasmare il credo di chiunque, ognuno di noi porta una propria esperienza ed ha le proprie basi per consolidare le rispettive idee in merito al fenomeno dei Crop Circles. Trovo tuttavvia che si debbano considerare le basi culturali dei circlemakers italiani e del perchè scelgano determinati disegni da rappresentare. Se tu anlizzassi i cerchi di Riesi rinvenuti nel tempo, troveresti un filo conduttore, cosi come se tu lo facessi per Poirino. Credo che attualmente i gruppi di circlemakers italiani capaci di realizzare qualcosa di *attraente all'occhio, ed all'anima* siano pochissimi. Non credo poi che dobbiamo confrontarci sulle prove che tu richiedi, poichè è palese che qualsiasi filmato lascerà ai tuoi occhi punti dubbiosi e commenti soggettivi dettati dal tuo modo di guardare al fenomeno. Che io pur non condividendolo rispetto. Il fatto poi che i circlemakers inglesi non si conoscano è un tuo pensiero (stiamo parlando di chi realizza quelli più validi, complessi, simbolici, vero?) e basta guardare i video trasmessi da circlemakers.tv per rendersene conto, cosi come delle motivazioni che stanno alla radice di ogni gruppo. Diverse e differenti.
Posso, in ultima battuta, chiederti cosa ne pensi degli snow circles? ..... Un saluto e a rileggerti. EAL71, o se preferisci Teodoro Di Stasi :-))

Teodoro Di Stasi ha detto...

X anonimo: Puoi dirmi cosa ne pensi degli Snow Circles? Di quelli abbiamo l'assoluta certezza che sono opera umana, ed anche questi sono complessi e simbolici al pari di molti rinvenuti in campi coltivati a grano, colza, segale ecc ecc... Puoi dirmi cosa ti porta a credere che l'uomo (o gli uomini) non siano in grado di disegnare su un campo simboli come questo di Riesi o quelli di Poirino, quando abbiamo addirittura schemi molto chiari che ti guidano passo passo alla costruzione di quelle figure (eptagramma, stelle a dieci punte e quel che vuoi?). Grazie e buona visione da qui a fine Luglio :-D

Ubi Morazzoni ha detto...

Ciao Teodoro, grazie per l'attenzione prestata al mio operato. Come ho scritto, da molti anni mi occupo di Crop Circles, ma mai e poi mai mi sono soffermato più di tanto sui loro creatori che siano umani, alieni o altro.
Mi limito a riportare, semmai, le sfere di luce che sovente filmo proprio in concomitanza delle formazioni, cosa degna di nota anche se non spiega o comprova la paternità. Il tuo suggerimento inerente al "concept" o la "serialità" delle varie formazioni nello stesso luogo
è quanto meno affascinante ma non ha sfiorato la mia visione che seppur limitata risulta genuinamente canalizzata da quell'altra dimensione di cui siamo composti e che molti chiamano "Mondo delle Idee".

Come ho sottolineato nell'articolo l'interpretazione non è mai a senso unico e non disponendo di ulteriori informazioni, sopratutto dai creatori del cerchio in questione, necessariamente non ho altro ausilio se no quello donatomi dalla natura sottoforma di fantasia.
Rimembro, inoltre, di aver scritto che l'intepretazione di una formazione non soggiace alla volontà dei suoi fautori ma esula nello sconfinato mondo dell'osservatore del fenomeno che in quel momento può trarre le più disparate conclusioni, comunque vere e degne di rispetto come scrivi anche tu.

Detto, ciò rimane affascinante la cultura e usanze dei cicrle makers che no sdegno a priori ma che devo riconoscere incapaci, ad oggi, di diostrare le loro asserzioni. A questo punto credere che i crop circles vengano formati da circle makers è un atto di fede puro non più logico e razionale che credere alla generzione dei crop crcles ad opera di sfere lucenti o razze aliene.

La mia umile opera di decodifica non vuole, per nessun motivo, essere il punto a capo su questa o quella formazione ma solo un cartello che indica la strada verso una migliore letura del fenomeno in generale e secondariamente del pittogramma in questione.

Questo esercizio vuole quindi essere solo uno stimolo verso chi volesse accostarsi all'arte del "sentire" i cerchi nel grano, perchè è dal sentire che possono arrivare messaggi genuini, la visione resta sempre uno strumento molto fallace e gli occhi sono un suppellettile da utilizzare relativemente nello studio di in una formazione.

Infine rendo noto, come sempre, che io studio con molto più interesse le formazioni non geometriche, che molto spesso presentano molte più anomalie e stranezze non ricondubcibili a circle makers, perchè è "certo" e comprovato che le RDA non le fanno loro, ma presentano le stesse anomalie non riconducibili ad azioni meccaniche come la pressione di tavole in legno ecc..

Spero di aver chiarito alcuni punti che probabilmente prima erano un po oscuri o nebbiosi.

Ciao e grazie del commento, se fossi così gentile da indicarmi il filone o il nesso con i cerchi di Riesi passati, te ne sarei infinitamente grato.

Ciao.
Umberto.

Ubi Morazzoni ha detto...

Teodoro, nel caso in cui tu non riceva risposta da "Anonnimo", premetto la mia posizione sugli Snow Circles. Non ne sono esperto, non ne ho mai visitato uno di persona, non ho mai effettuato analisi magnetiche, elettromgnetiche, elettriche, radioniche e chimiche, pertanto non posso assolutamente dire nulla su questo fenomeno. Resta il solito fattore della "mancata firma" dell'autore che lascia quindi spazio al primo che li interpreta.

Si sa bene che se un artista non spiega l'opera lo faranno i critici per lui alla sua morte, pertanto se ai Circle Makers o chi per essi, importasse davvero di lasciare qualcosa, un significato, una morale, un qualcosa ad altri che non siano del loro gruppo, dovrebbero quanto meno donarci la chiave di lettura o per eleganza, tacere ad oltranza.

A proposito, ci sono filmati delle formazioni di Snow Circles inquadrati da vicino ? ero curioso di capire se anche gli Snow Circles vengono creati in maniera da risultare formazioni impossibili o quanto meno anomale.

Ciao.
Umberto Morazzoni.

Ubi Morazzoni ha detto...

Un'ultima cosa, caro Teodoro Di Stasi, una piccola digressione, mi piacerebbe sapere cosa ne pensi dello scandaloso fenomeno e pratica del CLOUD SEEDING, tecnica con cui, irrorando sostanze chimiche ( vulgaris scie chimiche ) si possono ceare o dispedere nubi, stimoalre precipitazioni a carattere piovoso, neovoso o generare nebbia artificiale.

Qui non si parla di alieni o Circle makers ma semplici aerei che irrorano veleni e sostanze nocive alal salute, senza il consenso della popolazione e senza nessuna ammissione o regolarizzazione da parte di enti governativi che invece negano l'esistenza del fenomeno scie chimiche con una spudoratezza ormai pietosa.

Ho contatti con personale specializzato addentro alla cosa, la documentazione ormai è sconfinata, eppure c'è ancora chi ridicolamente nega ad oltranza.

Ciao.
Umberto.

Faber ha detto...

Grande UBI , godiamoci domenica sono curioso ... ciao .

Ubi Morazzoni ha detto...

Faber !!

Quando finirà "il mondo storto" ?
Vediamo se ce lo disegnano..

Umberto Morazzoni.

Posta un commento

Questo Blog, ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62 non rappresenta una testata giornalistica, in quanto sarà aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Alcune delle immagini qui inserite sono tratte da Internet, citandone la fonte; Nel caso che la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse. Gli argomenti trattati dal blog sono frutto di riflessioni personali, qualora urtassero la suscettibilità di qualcuno siete pregati di segnalarlo.

Si ricorda ai lettori, che in caso di commenti atti a contestare o denigrare quanto scrivo nel Blog ed il sottoscritto, risulta obbligatorio indicare nome cognome e città di residenza, corrispondenti alla persona fisica che li scrive, pena l'eliminazione dei commenti stessi in fase di moderazione.

Infine si informa che eventuali commenti, non attinenti al tema proposto negli articoli, non saranno pubblicati.

Grazie.