domenica 23 giugno 2013

CLOUD SEEDING
NUVOLE ARTIFICIALI AL 100%
A prova di scemo



Con piacere noto che dal 1993, data in cui iniziai a denunciare l'avvento del grave fenomeno della manipolazione climatica, le persone consapevoli di questo orribile progetto sono notevolmente aumentate, d'altro canto tristemente, noto anche che 20 anni dopo c'è ancora chi ne è ignaro, o peggio, per paura che noi si abbia ragione, nega questa realtà con ogni mezzo, anche il più sleale.

I peggiori si nascondono dietro fasulle richieste di prove scientifiche accademiche ma, purtroppo per loro, ci sono fenomeni che per essere spiegati, necessitano di complesse formule matematiche, analisi e quant'altro, mentre altri dove basta la deduzione, una buona dose di osservazione ed il vecchio e sano BUONSENSO.

Un esempio classico ?

Non ho bisogno di buttarmi dal nono piano di un palazzo per capire che mi farò molto male.

Ma alcuni sembra che si ostinino a necessitarne.

Relativamente alla manipolazione climatica ed il controllo del panorama idrico internazionale, oggi vi propongo un' altro esempio di fenomeno, totalmente innaturale, dove di prove scientifiche non ne abbiamo la benché minima necessità, il tutto ad un click dai vostri occhi, vedere per credere..
L'esempio che sto per farvi, non necessita di particolari elucubrazioni da parte del lettore ed è legato al fenomeno delle ben note SCIE CHIMICHE, ovvero il prodotto visibile delle ormai quotidiane operazioni di CLOUD SEEDING o CLOUD BUSTING, tese a coadiuvare od impedire il formarsi delle nubi.

Queste operazioni vengono canonicamente effettuate da aerei NON sempre IDENTIFICATI  o dichiarati alle varie torri di controllo degli aeroporti di tutto il globo, vedi SCANDALO VOLI CIA FANTASMA.o VOLI MISTERIOSI

Ma ecco il breve reportage che prova l'artificialità nel più delle volte, delle precipitazioni ed il clima in generale.. tsunami, terremoti, alluvioni, slavine, frane, e tutto ciò che può anche esser utile per batter cassa e far girare gli appalti di ricostruzione.

Sono le 7:30 del mattino, il sole è già alto ma qualcosa non mi illumina come usualmente in questo mese, guardo dalla finestra e noto una nuvola molto bassa che si sposta ad una velocità anomala, poi si ferma, corro a prendere la camera e registro mentre mi preparo per uscire.

La nuvola è a pochi chilometri da casa, circa un paio e probabilmente non supera di moltissimo quella del traliccio che si scorge innanzi.  La prospettiva e lo zoom lo dimostrano ampiamente.

Sapendo che i piloni dell'alta tensione hanno, in media, un altezza di 20 metri,possiamo in tutta tranquillità dichiarare che la nube non poteva essere ad un altitudine molto superiore ai 100 metri.. in realtà la nube sembra essere ad un altezza molto inferiore ma stiamo larghi.




Ora ditemi quante volte avete visto una nube sopra il tetto di casa vostra, bassa come quella mostrata nel mio video.

Io abito in pianura ad un altezza di circa 100 metri dal livello del mare... traete voi le conclusioni del caso.

La mia, è che la nuvola che si scorge nel video è chimica ed artificiale al 100%.

La cosa è EVIDENTE anche senza campioni, analisi e complesse formule matematiche.

Ad ogni modo, per gli amanti delle prove ecc ecc di seguito un'immagine che rende un'idea dell'altezza della nube chimica che distava dal punto di osservazione circa 5 Km.

La nube, come si nota dal video, è più bassa dell'altezza del traliccio ( alto 20 metri ) situato ad  1 Km dal punto di osservazione. Ogni quadrato è 40 metri, l'approssimazione quindi è abbondantemente in eccesso, siamo stati larghi :)
Il risultato ( a destra dell'immagine ) è che la nube sorvolava la città ad un'altezza, se così possiamo definirla, di soli 100 metri. Se anche la nube fosse stata a 10 Km di distanza dall'osservatore, l'altezza sarebbe risultata meno di 200 metri, altezza ancora improbabile per la formazione di una nube naturale di quel genere.



A questo punto cosa posso dirvi se non che la geoingegneria ed il CLOUD SEEDING, al solito, risultano essere pratiche, deleterie, velenose, inquinanti e da dismettere al più presto ?




Sempre da TanerEnemy, nella seguente immagine, gli effetti del cloud seeding, sintetizzati in uno schema che fa capire la gravità e l'estensione degli impatti a livello ambientale e sulla nostra salute, oltre che a gravare sui nostri portafogli, ormai vuoti già alla terza settimana del mese..


La gente capirà che se non arriva a fine mese, è anche e sopratutto perché PAGHIAMO queste costosissime ed oscene, TECNOFOLLIE, degne di un ego alla Icaro.

Dallo schema di cui sopra, si evince che molte delle patologie, un tempo misconosciute e rare, oggi sono all'ordine del giorno, quasi normali, diversamente da chi non le ha che viene indicato come alla stregua di un miracolato.

Quindi riassumendo, voi PAGATE e fate una vita da morti di fame, per AVVELENARVI ..

Peggio di così... si muore.

E pensare che c'è ancora gente che mette sopra a tutto la "Democrazia Rappresentativa" del delegare, piuttosto che un ambiente sano e non inquinato.

Amanti della politica, vi chiedo, ha senso vivere, in un mondo perfettamente democratico, attaccati ad un polmone d'acciaio ?


Lato mio, in primis, dovrebbe venire il  rispetto per l'ambiente ed il rispetto per la DEA MADRE. 

Per oggi chiudo.
Se ancora potete, meditate...

Ad ogni modo per i più svegli o gli amanti di prove ufficiali da presentare...
Qui molti documenti di analisi inerenti alle sostanze irrorate

Aspettando.. gli ambientalisti del futuro, stavolta seri e veri, come già alcuni ma pochi, vi saluto.

Ciao.
Umberto Morazzoni.

24 commenti:

Doriano54 ha detto...

Ciao Grande Ubi,come di consueto sei sempre chiaro e preciso!
Grazie per l'ennesima tua inconfutabile testimonianza che,senza dubbio condivido ed inoltro a tutti i miei contatti e col tuo permesso,per dar maggior visibilità pubblicherei sul mio blog.
Un grande abbraccio ed a presto.
Enzo

Ubi Morazzoni ha detto...

Grazie Doriano54, era importante pubblicare qualcosa a prova di scemo, così da eliminare la categoria da chi ancora nega, lasciando più spazio alla "malfidenza" o nel migliore dei casi, al "sospetto".

Grazie per lo spread, è un privilegio essere stampato sul suo blog, mentre meno su altri..
ma farò notare la cosa a chi di dovere.

UBeeK.

Anonimo ha detto...

Puoi scrivere che vuoi, gli scemi restano tali.
Eppure società specializzate che vendono questi servizi di cloud seeding sono anche in rete, un esempio http://www.weathermodification.com/
Riguardo al caso specifico italiano si può vedere l'accordo "cooperazione italia-usa su scienza e tecnologia dei cambiamenti climatici" : http://it.scribd.com/doc/9381320/Piano-dettaglio-Accordo-Italia-USA-sul-Clima
Altro documento presentato dall'air force usa "weather as a force multiplier: owning the weather in 2025", pdf sul sito dell'air force http://csat.au.af.mil/2025/volume3/vol3ch15.pdf
E' ovvio che molti "scemi" sono solo troll pagati per deridere queste cose... di prove ce ne stanno molte, di documentazione scientifica pure (in inglese soprattutto)..... da aggiungere ai vari esperimenti pure l'iron fertilization http://en.wikipedia.org/wiki/Iron_fertilization

Anonimo ha detto...

Certo che di cazzate ne avete nella testa. Il vostro ragionamento non dimostra NULLA.

Ubi Morazzoni ha detto...

"Puoi scrivere che vuoi, gli scemi restano tali. "

Si, a stare dalla parte sbagliata lo si deve proprio essere, sopratutto in tempi di maretta come questi...

"E' ovvio che molti "scemi" sono solo troll pagati"...

Ahahahahah DECISAMENTE.. la cosa triste è che li PAGHIAMO NOI...

Grazie dei link e dell'attenzione.

Ciao !!
Ubi Morazzoni.

Ubi Morazzoni ha detto...

Caro anonimo che scrivi "Certo che di cazzate ne avete nella testa. Il vostro ragionamento non dimostra NULLA. "

Sei anche tu uno di quelli che tolto il gesso ha capito che ci si fa male a cadere dal nono piano ? :)

Il mio ragionamento non dimostra nulla, stavolta bastano le immagini :)

Ritenta e sarai più fortunato.

Ciao.
Umberto Morazzoni.

Anonimo ha detto...

...e il cielo e' sempre più blu.... io invece
sempre più incazzato!

Pietro Miccia

Alessandro ha detto...

Ciao Ubi,
la cosa assurda è che in Germania, il parlamento stesso si è pronunciato sulla geo-ingegneria.
Sappiamo bene ... eccome se lo sappiamo ... che i germanici sono molto molto severi sul bilancio, molto attenti alle questioni finanziarie.

Ebbene il risultato è stato che la poderosa Germania, il paese europeo all'avanguardia, il trascinatore dell'euro ... ha dichiarato di sospendere la geo-ingegneria a causa di:

1) COSTI ECCESSIVI (aggiungerei esorbitanti).
2) LA PERICOLOSITA' della geo-ingegneria. Come ben sappiamo infatti, c'è un confine molto labile (ammesso che esista tale confine) tra geo-ingegneria e mutazioni climatiche:

http://www.nogeoingegneria.com/news/il-governo-tedesco-ha-detto-no-alla-geoingegneria/

Qui addirittura un rapporto del Ministero Tedesco della Tecnologia e Sviluppo che porta la firma di scienziati e studiosi che bastonano ... letteralmente ... la geo-ingegneria mettendone in evidenza i costi e i pericoli ambientali annessi:

http://www.bmbf.de/pubRD/CE_Studie2011-Gesamt-final-Druck.pdf


I tedeschi, avveduti e intelligenti hanno già capito come investire il proprio denaro e salvaguardare la propria economia ... mentre invece in Italia siamo alla mercè di Nato e USA.

Ubi Morazzoni ha detto...

Ciao Pietro,commento esplosivo il tuo.

Ad ogni modo non perdere mai la calma o farai il loro gioco.

Con calma invece, CHIUDI IL TUO CONTO IN BANCA
o TIENICI MENO SOLDI POSSIBILE e COMPRA SOLO DA COLTIVATORI E PRODUTTORI DIRETTI

Queste due semplicissime mosse, metteranno in ginocchio un mostro altrimenti imbattibile.. :)

Non preoccuparti se renderanno ILLEGALE il commercio a chilometro zero, la semina privata di ortaggi o altre cose che SONO COMUNQUE NOSTRO DIRITTO la gente, ora come ora, se ne strafotte del disORDINE proSTITUITO.. ormai CHIARAMENTE in mano a satanisti mafiosi dediti al culto di puttane e cocaina senza contare il resto...

Tieni duro.. sono solo degli sfigati, persone sfortunate da aiutare e curare.

Stiamo arrivando..
Siamo tanti... tantissimi..
OGGI ANCOR DI PIU' !!

Ciao.
Umberto Morazzoni.

Ubi Morazzoni ha detto...

Ciao Alessandro, grazie per il commento chicca sulla situazione in Germania.

Qui in Italia ( Italiani inclusi ) si vive ancora nel medio evo ma la gente è convinta di essere al TOP dell'avanguardia perché ciàiltelefoninonuovo.. ahahahaha

Chissà quando capiranno che non arrivano a fine mse per pagare i veleni che gli pisciano sulla testa ..
Gli Italiani sono proprio dei diversamente Europei.. :)

Ad ogni modo si confermo, in Germania SONO INTENZIONATI A SOSPENDERE LE OPERAZIONI DI INSEMINAZIONE ARTIFICIALE DI NUBI o CLOUD SEEDING perchè troppo onerose.. speriamo che si sveglino pure gli Italiani ma non credo visto l'andazzo.. troppa gente ancora si RINCOGLIONISCE davanti alla TV.. e poi ci sono ancora gli Zmobies del CALCIO i MILLE NUOVI SPORT e tutte le altre ARMI DA DISTRAZIONE DI MASSA ecc...

Tieni conto però che sospendere l'inseminazione delle nubi potrebbe non voler dire sospendere L'IRRORAZIONE DI SOSTANZE VELENOSE O BATTERI E MALATTIE tramite AEROSOL.. sai le compagnie farmaceutiche pagano bene chi sai.. ;)

Ciao e grazie ancora per l'usuale commento brillante.
Umberto Morazzoni.

Alessandro ha detto...

Gli italiani (perlomeno la maggioranza) non hanno ancora preso coscienza del problema. A dire il vero non hanno preso coscienza di tante cose... eheheh
Resiste ancora il vecchio sogno del "belpaese" ... quella la convinzione quasi fanciullesca dell'italiano medio che provoca solo compassione secondo cui l'Italia è un vanto, è un paese all'avanguardia su tutto, come l'Italia non ce n'e' al mondo e l'italiano è il più astuto di tutti .... :)

Però fatte queste considerazioni, non sottovalutarei l'aumentare di gruppi, siti, associazioni, conferenze e dibattiti sulle scie chimiche e altri argomenti "alternativi".
Tutto ciò che è "alternativo" anche come letteratura, è in aumento.
Vedo che la gente interessata al problema scie chimiche o altri argomenti, è diventata oggi una "minoranza rumorosa e visibile" .... :)
In Italia è un processo particolarmente lento ... ma i segnali di risveglio ci sono, secondo me.



Un bel riferimento per misurare l'avanzata dei "consapevoli" ce lo forniscono proprio i debunker/cicappiani. Si moltiplicano i loro sforzi per creare gruppi ad hoc per fuorviare, depistare sulle scie e denigrare coloro che ne parlano con zelo.

Loro la chiamano la "bufala delle scie chimiche" eppure non si spiega tanto impegno da parte loro per sconfessare un argomento che non ha alcun fondamento scientifico, frutto di paranoia e beceri fantasie complottiste ... eppure ogni anno devo aggiornarsi pure loro per non rimanere indietro... ehehehe

Anonimo ha detto...

Scusa, ma forse non ti è arrivato il messaggio, è tempo di ferie lo so.
Come hai valutato la distanza della nuvola?
Grazie
Ciao
marco999

Ubi Morazzoni ha detto...

Ciao marco999, la ripresa del video è stata fatta poco prima di uscire per recarmi al lavoro.. quando sono passato sotto quella nube, cioè la vedevo sopra di me, ho guardato il conta chilometri che avevo azzerato e segnava poche unità. Ad ogni modo anche ad occhio è facilmente deducibile visto che le case sono circa a 200 metri la nube non può essere in Australia inoltre, sempre nel video, il cono d'ombra mostra chiaramente che il sole, molto basso all'orizzonte ( era l'alba ) era oscurato da una altrettanto bassa, nube chimica artificiale al 100%.

Se avessi altri dubbi sono a tua disposizione.

Ciao.
U.:. M.:. ( Aka Umberto del casato dei Morazzoni )

P.S.
Per tutti coloro che nemmeno dopo un video del genere riuscissero a capire che quella era una nube artificiale, suggerisco loro di iscriversi al CICAP,, lì avranno senz'altro qualche balla per spiegare come mai le nubi parcheggiate sopra i tetti delle case, non prendono multe :)

Anonimo ha detto...

Ti ringrazio della risposta. Ma per togliere ogni dubbio potresti indicarmi il luogo della foto e la data precisa?
Grazie
Ciao
Marco999

Ubi Morazzoni ha detto...

Ciao Marco999, se non risulto indiscreto, potrei sapere che calcoli farai con il nome della città dove era situata la nube chimica ?

Inoltre, visto che fatichi a vedere le scie.. ti consiglio il mio articolo sul Progetto Pioggia, dove cito solo documenti ufficiali sulla sperimentazione del Cloud Seeding in Italia, così da non perdere tempo ( siamo nel 2013 inoltrato ) con la vecchia faccenda è un fenomeno reale o una bufala..

Se in grado.... capirai che è ben reale.

Ciao.
Umberto.

Anonimo ha detto...

Egr. Umberto,
ti avevo scritto nel mese di ottobre 2012 perchè interessato a sperimentare il meta flak.
Il tempo a mia disposizione non è molto, tuttavia ho notato alcuni fatti concreti.
L'irrorazione è quasi quotidiana e particolarmente intensa prima dell'arrivo di una perturbazione, che generalmente giunge sempre in ritardo rispetto alle previsioni meteo ufficiali. L'irrorazione segue rotte precise, di solito parallele al fronte nuvoloso, e poi in direzione più o meno ortogonale, con direttrici ben definite, che non sono assolutamente casuali. Non so se possano essere stabilite a priori in base a parametri precisi, come le correnti o altro, potresti chiarirmelo tu?.
Con il meta flak ho notato che la formazione del "buco" può variare parecchio, pur usando gli stessi contenitori e nella stessa posizione(anche se è arrivata a 15-20 km verso nord), è solo una questione di innesco della reazione o di correnti atmosferiche, oppure incidono altri fattori? (diverse volte il centro dell'apertura nel cielo è molto spostato rispetto al punto dove piazzo il meta-flak).
Se metto in funzione il meta-flak quando la cappa dovuta alle irrorazioni è già particolarmente persistente ed estesa, occorrono da una a due ore per ottenere l'apertura nel cielo. Vorrei sapere se questi sono tempi "normali" di funzionamento, o se sono legati alla tipologia di contenitori o altro.

Ti ringrazio anticipatamente per le risposte che mi darai.
Saluti
Roberto

PS. Da non pubblicare
Vorrei inviarti delle foto, ma non so come fare.
Il mio indirizzo è knspad@tin.it
Grazie di nuovo

Ubi Morazzoni ha detto...

Ciao Roberto, grazie del contributo, le tue considerazioni sulle irrorazioni sono tristemente corrette.

"Non so se possano essere stabilite a priori in base a parametri precisi, come le correnti o altro, potresti chiarirmelo tu?. "

Loro irrorano, il prodotto nuclea la nube o disperde umidità .. poi secondo me convogliano le particelle accumulate verso la posizione desiderata.
Ovviamente visto i parametri in gioco non deve essere proprio uno scherzo nemmeno per "loro".. ma spesso, data la mole di sostanze irrorate, gli funziona.
Ma come fai a spostare una nube ?

Ce lo spiega HAARP e le sue ricerche sulla IONOSFERA dove si parla appunto di cariche elettriche, facilmente eccitabili o direzionabili secondo schemi predefiniti che comunemente si chiamano CIRCUITI.

Per il Flaking " (diverse volte il centro dell'apertura nel cielo è molto spostato rispetto al punto dove piazzo il Meta-Flak)."

Si è proprio così, decide il vento dove poi la reazione continua o è visibile..

Per i fattori che incidono, chiaramente NON E' SOLO il comune ACETO a fare il tutto, la cosa è chiara.

Con gli articoli che ho scritto sulla cosa, chiedevo appunto ausilio ai vari sperimentatori, così da capire meglio il fenomeno.

"Se metto in funzione il meta-flak quando la cappa dovuta alle irrorazioni è già particolarmente persistente ed estesa, occorrono da una a due ore per ottenere l'apertura nel cielo. Vorrei sapere se questi sono tempi "normali" di funzionamento, o se sono legati alla tipologia di contenitori o altro."

Si è così, ci sono molti altri fattori i gioco, ad esempio le sostanze irrorate.

Tieni conto che potrebbero essere già al lavoro dall'anno scorso per trovare una sostanza che elimina lo sconveniente effetto dei Flak, pertanto non garantisco nemmeno che il metodo di cui sopra funzioni ad aeternum, dato che potrebbero da una certa data in poi, irrorare nuovi composti con cui il Flak non reagisce ma non si demorde, qualcosa dovremo pur tentare prima di passare ad altre maniere non credi ?

Tornando alle nubi spesse, anche io ho notato la stessa cosa, quindi ipotizzo che una delle sostanza irrorate non solo nuclei il ghiaccio formando la nube ma funga anche da pellicola contenente, come un palloncino pieno di acqua.. ovviamente bucando il palloncino si rischia anche un acquazzone intenso ...
Spesso questo comportamento l'ho osservato bucando quelle nubi artificiali a palla ed in genere molto basse e scure..

Spero di aver chiarito i tuoi dubbi, in caso contrario, sono qui.
Ciao !!

Umberto Morazzoni.

F. L.T. ha detto...

"qualcosa dovremo pur tentare prima di passare ad altre maniere non credi ?"

Io non credo. Il tempo delle "altre maniere" è assai maturo.

O ci sono motivi, a me ignoti, per cui é conveniente tergiversare e contnuare a subire ?
Il preziosissimo lavoro divulgativo che in tanti svolgono in rete sta tristemente diventando autoreferenziale e riservato a nicchie di popolazione. Le altre maniere sono ormai l'unica possibilitá che abbiamo.

Lei non crede ?


Ubi Morazzoni ha detto...

Ciao F.L.T., quindi cosa consiglieresti di fare ?

Io ho già, in questo blog ed altre sedi, ampiamente suggerito il da farsi, ma per intanto, visti i risultati, penso che la mia linea d'azione sia corretta ed efficace ma ribadisco ben vengano suggerimenti...


Resto in attesa di feedback.. a presto.
Ciao.

Umberto Morazzoni.

F. L.T. ha detto...

Eh... Lo so... L'unica strada che al momento mi sento di percorrere è quella della costruzione di piccole comunitá di "resistenti" che vivendo in comunione possano sostenersi vicendevolmente senza foraggiare il sistema. Ci sto lavorando, ovviamente nella mia piccola realtá.
Serve coraggio e chi non ce l'ha, come ben sappiamo, non se lo può dare. In rete, come nella realtá, vincono loro a causa della frammentazione della contro-informazione, a causa dei bisogni indotti che tengono le persone sotto schiavitù, ma tu queste cose le sai giá, inutile parlarci addosso. Il tuo lavoro è apprezzabilissimo e il mio non voleva essere un attacco MA è anche l'ora di dire che di fronte ad attacchi quotidiani alla salute fisica e mentale delle persone SI DEVE reagire. Anche in maniera bellicosa. SI DEVE mettere un limite a quello che siamo disposti a sopportare altrimenti la libertá, quella vera resterá un'utopia. Non scriverò certo qui suggerimenti per atti di guerriglia o per azioni violente che porterebbero solo guai. MA, ripeto, cominicare a dire che le alternative pacifiche SONO quasi FINITE è giusto e necessario. Secondo me.
Con stima. Fabio La Torre.

Anonimo ha detto...

Tempo fa ho fatto una piccola ricerca su Google per scoprire se vi fosse qualche antidoto contro le famigerate scie chimiche. Il risultato di questa ricerca fu davvero sorprendente ( e per certi versi addirittura bizzarro ). A quanto pare l' aceto di mele costituirebbe una specie di sostanza neutralizzante nei confronti dei metalli pesanti di cui l' atmosfera e' impregnata. Esso agirebbe sia attraverso l'evaporazione diretta nell' aria, sia attraverso l'ingestione di una piccola quantita' diluita in acqua.
Comunque, se volete approfondire l' argomento, andate su un motore di ricerca ed impostate la seguente query : " aceto di mele contro le scie chimiche ". Scoprirete cose davvero interessanti...

Ubi Morazzoni ha detto...

Ciao Fabio, penso che l'idea delle comunità autogestite ed indipendenti siano un'ottimo punto di partenza e penso anche che andranno molto di "moda" a breve.

Un rimedio sicuro contro ogni forma di centralizzazione che abbiamo visto cosa genera.

Come te spero di non dovere mai e poi mai arrivare ad atteggiamenti bellici perché la soluzione violenta e proprio ciò che aspettano e che motiverebbe una militarizzazione capillare del territorio Italiano.
È vero però anche che 500.000 unità sono uno zero meno di 50.000.000...
Ad modo mi sto sentendo con molti gruppi di resistenza Statunitensi, molto più avanti di noi sul tema, Patriottismo.

Finisco con il consiglio che do da anni per abbattere questo sistema destinato comunque a collassare su se stesso:
1 - Chiudere il conto in banca o lasciarvi meno soldi possibile, giusto i pagamenti RID.

2 - Comprare più prodotti possibili da G.A.S. o da produttori locali o coltivatori diretti, ormai messi in ginocchio dalla grande distribuzione.

Basterebbe fare queste due semplici mosse per qualche messe per abbattere l'egreggore creato da questa società, chiaramente malata, ma sembra che la massa non riesca proprio a fare quest piccolo passo.... quindi non mi resta che dire, Ogni popolo ha il governo che merita.

Ciao Fabio, grazie per l'attenzione e l'arguto contributo.

Ubi Morazzoni ha detto...

Ciao Fabio, dimenticavo, per quanto concerne l'aceto correlato alla disintossicazione da alluminio ed altri metalli pesanti, confermò. Esso infatti contiene Acido Malico...

"Acido Malico - L'acido malico è uno dei più potenti disintossicanti dall'alluminio. Aiuta a ridurre la tossicità di alluminio per il cervello, e per questo motivo potrebbe essere utilizzato per aiutare nei casi di morbo di Alzheimer. L'acido malico ha dimostrato di aumentare l'escrezione fecale e urinaria di alluminio. Può anche ridurre la quantità di alluminio che si trova negli organi e nei tessuti del corpo. L'acido Malico si trova in natura, soprattutto nel rabarbaro, nell'aceto di mele e nel vino.

Sintomi della Disintossicazione
Quando l'alluminio e gli altri metalli tossici fuoriescono dal vostro corpo dalle zone nelle quali sono stati immagazzinati, possono agire come irritanti.
Per esempio, esso hanno una tendenza ad irritare le terminazioni nervose, il che può irritare i muscoli. Perciò, quando qualcuno si disintossica, questo può provocare un disagio. E, dal momento che i reni sono gli organi che gestiscono questo disintossicazione, ci può essere anche dolore alla schiena, ai reni.
Poiché l'alluminio tende a concentrarsi nella materia grassa e quindi nel cervello, il processo di disintossicazione può essere accompagnato da confusione mentale.
Esso può anche causare sintomi simil-influenzali con febbre, brividi e scarico delle mucose. La disintossicazione farà il suo corso ed i sintomi scompariranno. Poiché ogni secrezione nasale è tossica, sputatela invece di inghiottirla."

Fonte:http://www.mednat.org/cure_natur/disintossicazione.htm

Grazie per il prezioso contributo approfondirò l'argomento.

Umberto Morazzoni.

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

Posta un commento

Questo Blog, ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62 non rappresenta una testata giornalistica, in quanto sarà aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Alcune delle immagini qui inserite sono tratte da Internet, citandone la fonte; Nel caso che la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse. Gli argomenti trattati dal blog sono frutto di riflessioni personali, qualora urtassero la suscettibilità di qualcuno siete pregati di segnalarlo.

Si ricorda ai lettori, che in caso di commenti atti a contestare o denigrare quanto scrivo nel Blog ed il sottoscritto, risulta obbligatorio indicare nome cognome e città di residenza, corrispondenti alla persona fisica che li scrive, pena l'eliminazione dei commenti stessi in fase di moderazione.

Infine si informa che eventuali commenti, non attinenti al tema proposto negli articoli, non saranno pubblicati.

Grazie.