mercoledì 16 dicembre 2009

NWO: A VOLTE RITORNA...
IL FUTURO CHE NASCE DAL PASSATO


E' possibile un futuro che nasca dal passato, come un uroboros che si mangia la coda ?

Molti sanno bene, quanto la ritualistica esoterica sia preda di precisi protocolli e maniacale simbolismo, ma pochi sanno, che la vita politica, profondamente legata a questi ambienti, spesso ne subisce i dogmi.

Non è raro che dietro ad alcune tra le più importanti date storiche si celino numeri dall'importanza cabalistica ed altre volte alcuni episodi sono presagio di eventi già accaduti, e non stiamo parlando di eclissi o Nibiru, ma di un fatto che in questi giorni è sulle labbra di tutti..


Parlo dell'attentato a Ilvio Erlusconi.

Siccome io "NON SONO UN TERRORISTA" e tengo a questo blog, avendo letto delle preoccupanti misure precauzionali che il governo vuole prendere, in materia di Internet & dintorni, vi racconterò una storia, ma le conclusioni, questa volta, le dovrete trarre voi.

...e ora via, ho tolto le rotelle alla bici, vediamo come ve la cavate..

La mia storia narra di un personaggio autorevole, che tenne un gran discorso davanti ad una folta folla e di una persona che, all'improvviso, senza farsi notare, riuscì a farsi strada nella calca, sino a giungere in prossimità del premier.
A questo punto il personaggio misterioso, si sporse verso il premier e gli porse le mani giunte a coppa, che oltre a celare falsa adorazione e supplica, nascondevano un piccolo revolver.
Proprio nell'istante in cui l'attentatore premette il grilletto, il premier venne richiamato da alcuni sostenitori che inneggiavano a lui, e mosse fieramente il capo verso costoro, la pallottola dunque, non trafisse il suo cranio ma scalfì solo la punta del suo naso.
Il premier era scosso e sentiva ancora bruciare la canna del revolver che poteva ucciderlo, tuttavia, intervenne prontamente, per impedire che la folla linciasse il suo presunto assassino.

L'attentatore venne subito arrestato ma una volta interrogato non disse una parola sul movente dell'attentato.
Poco dopo venne dichiarato pazzo e si suppose che fosse stato indotto al gesto, da qualche istigatore sconosciuto.
Alla fine di tutta questa vicenda, il "pazzo" venne allontanato dal mondo sociale e rinchiuso in un istituto psichiatrico, fino alla sua morte.

Beh quindi !? direte voi...

Allora io vi chiedo: Chi è il premier del racconto e chi l'attentatore ?

Per la soluzione, selezionate il testo qui sotto:

L' attentatore era Violet Albina Gibson
Il premier era Benito Mussolini ( Il Duce )

Questa come altre, è la volta, dove spero davvero di sbagliarmi, ma il racconto continua, infatti...

Il giorno successivo all'attentato, Mussolini partì per la Libia e si mostrò alla folla presente a Tripoli, con una vistosa medicazione sul naso.

Alla fine, l'episodio venne usato come pretesto per giustificare varie strette legislative legate all'ambito della sicurezza nazionale, e segnò un importante passo verso l'avvento del fascismo.

Della serie butta male.. tutti in campana !!

Un ringraziamento speciale va ai lettori che preferiscono rimanere nell'anonimato, e che mi hanno ispirato e segnalato il materiale utilizzato per il presente articolo.

Addendum: Molti lettori mi stanno segnalando con insistenza questa foto tratta da Repubblica, cosa è l'oggetto metallico presente nella mano dell'uomo della sicurezza del premier ?

L'episodio se reale è altamente deprecabile, e mi dissocio da Tartaglia,
altrimenti...
Questa storia è talmente pregna di effetti "speciali" che mi chiedo:
A quando l'entrata in scena di Carlo Rambaldi ?

Inoltre, tornando all'increscioso episodio di questi giorni, non è con atti violenti che si risolvono i problemi, ma piuttosto, mettendo la X nella casella giusta, ricordo inoltre che non votando si vota ugualmente e si dona la preferenza a personaggi a cui, magari, non avevate intenzione di darla.

Per maggiori dettagli e considerazioni rimando i lettori a questo articolo scritto sul magazine Time

Rimando infine anche a questo interessante articolo comparso su RAI NEWS 24 Aggressione a Berlusconi. Luzi: il premier come Mussolini, non speculi sull'incidente. Il centrodestra: irresponsabile e di conseguenza questo, dove il filosofo e senatore a vita Mario Luzi, è costretto persino a difendersi, unicamente per aver detto quanto pensa, senza lanciare alcuna sorta di Molotov, bomba carta, epiteto o qualsivoglia tipo di violenta provocazione:
Aggressione a Berlusconi. Luzi: troppe polemiche su di me

E' proprio vero.. di questi tempi, la paranoia è un sacro mantra, e non sto parlando di complottisti e cospirazionisti vari, ma piuttosto degli "altri".

Non sarà mica che un uso prolungato e massiccio di quella STRAMALEDETTA COCAINA, porti a stati di allucinazione e paranoie !?

ADDENDU 29 Giugno 2010 - IL FINALE

La vicenda non finisce di stupirmi, infatti il tutto si è concluso con la totale assoluzione dell'aggressore, come viene spiegato in questo articolo del corriere.

La sentenza stabilisce che l'aggressore non era in grado di volere ed intendere, va bene ma quindi ora dove si trova ?
In una struttura di massima sicurezza per pericolosi disabili mentali ?

Tutt'altro, lo si scorge in città per qualche passeggiata e addirittura shopping come viene affermato, leggete voi stessi.

Morale, la prossima volta che venga scelta una regia migliore, un finale più credibile e sopratutto "NON COPIATE DA NOTI EPISODI CHE RIEMERGONO DAL PASSATO".

Ciao.
Ubi Morazzoni.

22 commenti:

Anonimo ha detto...

Quello che si vede in mano all'agente di scorta potrebbe essere una pompetta. Vuoi vedere che è davvero un rituale.Come diceva la mia saggia nonna...NIENTE E' CIO CHE SEMBRA..
lex luthor

Casegeek ha detto...

Bellissimo articolo come sempre Ubi!! Comunque ancora non ho capito che cosa sia quell' aggeggio in mano alla scorta del premier...

Anonimo ha detto...

Grande Ubi!
come sempre del resto, mi dissocio dalla violenza gratuita nei confronti di un altro uomo, ma come voleva dire On. DiPietro bisogna sempre valutare che la cosa non sia portata a...
il Premier ferito è l'effetto dell'azione di un individuo, ma causa da?
vogliamo dire che è un malato di mente? diciamolo, ma prendiamo anche in considerazione il clima che volutamente o meno si è creato in questi ultimi tempi.
cmq, i migliori auguri di una pronta guarigione al Premier.
Primalancia

Anonimo ha detto...

GLOBALTRUFFOLO PESCATO COME UN PESCE IN BARILE?

A pensar male si fa peccato...ma spesso si indovina.
G.Andreotti.

Strano però che un GlobalPaperone si ripari il viso ferito con un sacchetto della spazzatura nero, di quelli neanche più a norma e difficili da trovare.Mi sarei aspettto un foular di seta strafirmato non un sacchetto della spazzatura farcito di batteri!.
Facciamo un sondaggio che è di moda.

Visto il contesto cosa ti apetteresti che diano a Sivio Berlusconi ferito.

A) UN FOULARD di Ermes

B) UNA SCIARPA di Burberry

C) UN FAZZOLETTO di Luois Vuitton.

D) UN SACCHETTO DELLA MONNEZZA.(non a norma).

Quante persone conosci che girano abitualmente con un sacchetto della spazzatura(non a norma) in saccoccia?

A) NESSUNO.
B) PIU' DI TRE.
C) TUTTI QUELLI CHE VOTANO PER I VERDI.
D) LA SCORTA DI SILVIO.

Forse è che non si doveva vedere nulla?
Strano che il Presidente non sia schizzato a tutta velocità verso un ospedale e al sicuro da eventuali altri possibili agressioni. E la prima volta che un leader politico importante resta sul posto un buon quarto d'ora dopo un vile attentato alla sua persona.
Stranissimo che dopo svariati minuti di permanenza in auto( dovevano finire il machillage forse?)sia ridisceso.Per il granfinale della fiction?
Siamo alle solite? Temo di sì.
Aspettiamo sviluppi pronti come sempre a cambiare parere....se è il caso.

teddy sberla -Singhiozzo new.

Anonimo ha detto...

E' una pistola ad acqua quello che si vede nella foto, di quelle a compressione. Erano usuali fino a una ventina di anni fa. Si usavano a carnevale ripiene di inchiostro "simpatico" quello che spariva.....alcune volte per scherzo si sostituiva con quello vero,ma nella pistola dell'amico però.;-)
Ora per uno scherzo così finisci nel TG in prima serata nella sezione "Bullismo" o se 6 sfigato in quella dei TERRORISTI!!!:-)
bobo.

Bibbi Maria ha detto...

Ma daiii!!! Guarda le goccie!!! Qui ci vuole il parere di Dexter eh eh eh.. ci credo che hanno dissolto le forze dell'ordine Milanesi, non potevano fare nulla contro un finto attacco.

Anonimo ha detto...

quello che tiene in mano l'agente della scorta è una piccola radio ricetrasmittente.

Bruno

Anonimo ha detto...

Bruno sei rimasto un pò indietro con la tecnologia oggi è tutto miniaturizzato ,gli auricolari sono senza fili se quella è una "piccola radio" trasmittente io sono babbo Natale e la Befana insieme. Anche le giovani Marmotte in missione non usano radio così, figurati la scorta di Silvio Berlusconi.

filippo maria mascheroni

Ubi Morazzoni ha detto...

Grazie a tutti ragazzi, alcuni amici stanno provvedendo ad analizzare e reperire l'oggetto misterioso presentato nella foto.

In caso di successo, pubblicherò relativa documentazione.

Per quanto concerne il sacchetto della spazzatura, molti mi hanno fatto osservare che tra l'altro è fuori corso, e non può più essere utilizzato per la sua originaria funzione, che abbiano in mente altri utilizzi per smaltirne le rimanenze dai magazzini ?

L'alone di mistero si infittisce...

A presto !!
Ubi Morazzoni.

Anonimo ha detto...

filippo maria mascheroni, se ti dico che è una radio ricetrasmittente a crittografia te lo dico perchè l'ho usata...

bruno

Ubi Morazzoni ha detto...

Ciao Bruno, sai indicarmi marca e modello ?

Ciao.
Ubi

Anonimo ha detto...

Bruno visto che 6 pratico cosa serve il mirino sulla canna? Poi visto che di cose ne sai ne aprofitto.Come mai non hanno smammato a razzo visto che il Presidente era ferito ed erano possibili altri attachhi? Cosa dice il protocollo di sicurezza in caso di attacco al Premier? Di sicuro non dice "FERMATEVI UN QUARTO D'ORA SE E' SOLO FERITO ALTRIMENTI PRENDETEVELA COMODA". Illuminaci grazie.
f.m.mascheroni

Ubi Morazzoni ha detto...

Ciao Filippo Maria, ammesso che l'espisodio sia una montatura, la pistola di cui parli, non potrebbe essere una pistola da condimento ?

Quelle usate per spruzzare il ketchup sulle patatine, intendo.

Ciao.
Ubi.

Anonimo ha detto...

B. è ingestibile da sempre per qualunque scorta. Nell'ambiente si sa.
Se vuoi inscenare un attentato fai le cose perbene, o no? tu ti inventeresti un duomo di milano di peltro in faccia?

hahahhaha
quale canna e quale mirino?
quella è una radio motorola.
la miniaturizzazione è nel vostro cervello.

Bruno.

Anonimo ha detto...

Si penso che sia proprio un modello così!
Un pistoletta da condimento altro che ricetrasmittente ai futurioni plasmatici con mirino.
Ma come avrà fatto ad avere il viso tutto inzaccherato di ketchap e non essersi macchiato la camicia e il fazzoletto? Chiediamo aiuto a Bruno? Dai Bruno facci sognare....
Pedergam Badelegn

Anonimo ha detto...

La piazza era farcita,come la faraona di mia nonna Abelarda, di telecamere e le uniche immagini mostrate da tutte reti tv sono state girate da un tipo che guardacaso era alle spalle di Tartaglia. Il video per altro di scarsissima qualità e girato con un telefonino. Qui non facciamo ridere il pianeta, facciamo ridere la Galassia intera!!

Salvatore Cuccurullo.

Ubi Morazzoni ha detto...

Campanella !!
Per Salvatore e Pedergam, andiamoci piano, siamo sempre nel campo delle ipotesi Ok !?

Bruno, per caso ti ricordi il modello oltre che la marca ?

Ciao.
Ubi.

Anonimo ha detto...

trovatela da solo grande investigatore dell'ignoto. Io intanto mi faccio una birra e me la rido alle spalle della vostra paranoia malata.

bruno.

Anonimo ha detto...

Bruno va che non siamo a Lascia o Raddoppia. Se sai qualcosa dillo o va a rompere i cocones da qualche altra parte. Qui non c'è trippa per gatti ne per cani sopratutto se sono al guinzaglio.
Pedergam Badelegn

Anonimo ha detto...

Bruno,faccio prima a trovare te che le tua fantomatica recetrasmittente ai futurioni plasmatici.Sorseggia con calma la birra non vorrei che ti andasse di traverso.
lex luthor

luca.88sd ha detto...

Ciao a tutti, be che gli episodi si ripetano è ovvio prima o poi deve riaccadere! guardate quà questa è una mini pistola funzionante http://www.google.it/imgres?imgurl=http://ciro.bloog.it/gallery/7005/SwissMiniGun.jpg&imgrefurl=http://ciro.bloog.it/index.php%3Fop%3DprintView%26articleId%3D42449%26blogId%3D7005&usg=__r53jQzK_4OvmKUyASfUr5rnEuFQ=&h=316&w=432&sz=43&hl=it&start=2&sig2=EQURfRsX-yNST3E2m9A7Yg&um=1&itbs=1&tbnid=IssDRpNL2b9qeM:&tbnh=92&tbnw=126&prev=/images%3Fq%3Dmini%2Bpistola%26um%3D1%26hl%3Dit%26safe%3Doff%26tbs%3Disch:1&ei=hXcOTOriJZGC4Qb78MD4DA

oppure questa è "al chetchup" http://www.doxbox.it/shop/product_images/u/condg__00543_thumb.jpg

di mini motorola non esiste nulla così.. è inesistente!! come non esiste da condimento uguale ne per inchiostro simpatico.. dovrebbe essere un arma da difesa che spara anche piccoli proiettili di sonnifero o pallotole vere.

Ubi Morazzoni ha detto...

Grazie Luca, vedo che sei sveglio.. come sempre.

E' chiaro che tu non abbia studiato troppo a lungo e men che meno in scuole canoniche. Non farai carriera, inchiodato per 10 ore al giorno ad un cellulare ed un banco, immobile con sguardo vitreo, a fissare un rettangolo luminoso..

Sei uno libero, libero di morire, libero di vivere, e addirittura anche libero di non esserlo ;)

A presto e grazie per la chicca, vedrò di postare una delle foto che La Repubblica non ha potuto pubblicare...
per ora..

Ubi Morazzoni.

Posta un commento

Questo Blog, ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62 non rappresenta una testata giornalistica, in quanto sarà aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale. Alcune delle immagini qui inserite sono tratte da Internet, citandone la fonte; Nel caso che la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo e saranno subito rimosse. Gli argomenti trattati dal blog sono frutto di riflessioni personali, qualora urtassero la suscettibilità di qualcuno siete pregati di segnalarlo.

Si ricorda ai lettori, che in caso di commenti atti a contestare o denigrare quanto scrivo nel Blog ed il sottoscritto, risulta obbligatorio indicare nome cognome e città di residenza, corrispondenti alla persona fisica che li scrive, pena l'eliminazione dei commenti stessi in fase di moderazione.

Infine si informa che eventuali commenti, non attinenti al tema proposto negli articoli, non saranno pubblicati.

Grazie.